GAZA, facciamo i nomi

ore 23,50
164 morti palestinesi, 5 morti israeliani

Dalle ore 20.00 italiane è iniziata la tregua

21 novembre
141
morti e NIENTE TREGUA
—————-
ore 17,40
Bilancio dei morti palestinesi: 132
. (QUI tutti i nomi dei palestinesi uccisi). Centinaia i feriti.
E’ ufficiale: la tregua entrerà in vigore da mezzanotte. Pesanti bombardamenti in corso a Gaza City.
—————
ore 14,48
Bilancio dei morti palestinesi: 117. Centinaia i feriti.
Morsi annuncia la tregua tra poche ore. Ban Ki-moon non va a Gaza (da NenaNews)
———–
20 novembre ore 7,49
111
morti
———-
ore 20,30
105 morti
————
ore 9,55

90 morti e 700 feriti
————-
Secondo NenaNews sono saliti a 88 i morti a Gaza.
————-
Non volevo parlare di Gaza. Trovavo del tutto inutile, di fronte all’ennesima tragedia, iniziare una stupida discussione tra le due fazioni, far circolare foto cruente e sanguinanti (spesso ritoccate) che servono solo ad assuefare l’occhio all’orrore e all’ingiustizia, mi sembrava quasi offensivo nei confronti delle vittime visto che in tutti questi anni nulla è stato fatto per risolvere la tragedia del popolo palestinese. Poi ho letto il post di Maria Luisa Venuta, che ringrazio,  e ho deciso di postare i ventinove nomi dei primi morti a Gaza (ieri erano già diventati 58 e nel frattempo saranno sicuramente aumentati).

Questi sono i nomi delle persone uccise dagli attacchi israeliani:

1- Walid Abadlah, 2 1/2 anni
2- Marwan Abu Al-Qumsan, 52 anni
3- Ramai Hamamd
4- Khalid Abu Al-Nasser
5- Habes Mesbeh, 30 anni
6- Wael Al-Ghalban
7- Hisham Al-Ghalban
8- Ahmed Al-Jaabari, 52 anni
9- Mohammed Al-Hams
10- Ranan Arafat, 3 anni
11- Essam Abu El-Mazzah, 20 anni
12- Hani Al-Kaseeh, 18 anni
13- Ahmed Al-Masharawi, 11 anni
14- Hiba Al-Masharawi, 19 anni, incinta
15- Mahmud Sawaween, 65 years old
16- Hanin Tafish, 10 mesi
17- Tareq Jamal Naser, 16 anni
18- Oday Jamal Nasser, 14 anni
19- Fares al-Bassiouni
20- Mahmoud Sadalla, 3 anni
21- Ismail Qandil, 24 anni
22- Tahrir Suleiman, 22 anni
23- Non identificato
24- Non identificato
25- Ziad Abu Jlal
26- Amjad Abu Jlal
27- Ahmed Abu Jlal
28- Hasan Abu Hmela
29- Khaled Shaer
Da QUI

Muro israeliano
foto presa da Nazione indiana

About these ads

Tag: , , , , ,

5 Risposte to “GAZA, facciamo i nomi”

  1. giovanotta Says:

    l’elenco delle vittime e la foto del muro è quasi altrettanto orribile.. io ho inserito l’immagine di alcuni bambini uccisi perché penso che sulla guerra non bisogna indorare la pillola ad uso degli occidentali benpensanti dallo stomaco debole. La guerra è orrore, sempre. Un saluto

  2. georgiamada Says:

    l’elenco delle vittime e la foto del muro è quasi altrettanto orribile

    non quasi, anzi è ancora più orribile, per questo l’ho messo.
    Da dopo la guerra in iraq le foto scioccanti di guerra sono inflazionate e forse (almeno sono stati in tanti ad analizzarlo dalla sontag al baudrillard) inducono assuefuazione all’orrore, atrofizzando la naturale pietà e indignazione dell’essere umano (occidentale o orientale che sia) e proprio per questo spesso vengono fatte circolare.
    Non c’entra lo stomaco debole, anzi ormai ce l’hanno tutti di acciaio.
    Se le foto dei bambini fatti a pezzi, spiaccicati come decalcomanie contro i muri servissero, in questi ultimi anni sarebbero cambiate molte cose … invece no, anzi i criminali di guerra sembrano alzare il tiro per scioccare ulteriormente, sembrano uccidere apposta i bambini perché se ne parli e vengano in prima pagina, perché l’orrore terrorizzi, immobilizzi, e le immagini intorpidiscano completamente le facoltà riflessive e impediscano qualsiasi azione.

  3. georgiamada Says:

    sono andata a vedere nel tuo blog, e volevo sottolineare che le immagini che hai messo tu sono documentazione e non sono certo quelle a cui mi riferisco io nel commento sopra.
    Ma una cosa terribile, per me, è che sono immagini senza nome. non capisco come mai sotto tutti questi corpicini non ci sia MAI anche il nome e cognome del bambino come succederebbe per la morte di un qualsiasi altro bambino, a volte può succedere che non sia possibile identificarli, ma la maggior parte di questi corpicini sono portati in ospedale da parenti … perché non vengono almeno onorati come persone con nome e cognome?
    Forse perchè onorarli, ricordarli (e forse anche vendicarli) non è lo scopo giornalistico della circolazione di simili immagini, lo scopo purtroppo è solo commerciale. E più scioccante è, più commerciale è
    geo

  4. georgiamada Says:

    X giovanotta

    Riguardo alla tua foto è possibile identificare i bambini morti.
    Nella pagina facebook di Rosa Schiano (in Album , Foto del diario) c’è una foto in bianco e nero (credo scattata da lei stessa) che è la stessa foto messa da te anche se da una angolazione diversa.

    Accanto c’è scritto:

    Rosa Schiano Stay Human

    Foto dallo shifa hospital. Obitorio.
    Un parente della famiglia Al Dalu accanto ai corpi dei quattro bambini morti oggi nel bombardamento della loro abitazione in Nasser street. L’aviazione militare israeliana ha bombardato l’intero edificio di 3 piani uccidendo l’intera famiglia Al Dalu: Ibrahim Al Dalu, 11 mesi. Jamal Al Dalu, 6 anni. Yousif Al Dalu, 5 anni. Sara Al Dalu, 3 anni. La loro madre Samah Al Dalu, 22 anni. Il loro padre Mohammed Al Dalu, 28 anni. La zia Ranin Al Dalu, 22 anni. La nonna Suhila Al Dalu, 50 anni. La seconda zia, Yara Al Dalu, dispersa.
    Morti anche due vicini di casa: Amina Al Dalu, 80 anni e Abdallah Mzanar, 20 anni
    .

  5. giovanotta Says:

    grazie.. speriamo non doverle vedere più

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 123 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: