Archive for the ‘Uncategorized’ Category

GIPI, intervista

15 gennaio 2015

Intervista a Le invasioni barbariche del 14 gennaio 2015

Parigi, diretta della Marcia repubblicana

11 gennaio 2015

Alle 15 inizia a Parigi la Marcia repubblicana potete seguire la diretta su
Repubblica, Corriere, La stampa, e su tutti gli altri giornali

Doppio bliz, liberi gli ostaggi

9 gennaio 2015

aggiornamento
invece l’articolo è stato poi aggiornato e 4 ostaggi sono morti
—————–

Strage Parigi, doppio blitz contro i terroristi. Morti tre killer, salvi gli ostaggi
Assalto della polizia alla tipografia di Dammartin. Cinque militari feriti. Pochi minuti più tardi, blitz a Parigi per liberare gli ostaggi dell’assassino di Montrouge
Corriere

2015 auguri per un mondo migliore

31 dicembre 2014


La pratica della violenza, come ogni azione, cambia il mondo, ma il cambiamento più probabile è verso un mondo più violento
(Hannah Arendt, On Violence)

 

cometa

24 dicembre 2014

Certo che una cometa, come le lucciole di Calvino, è più bella da lontano che da vicino.
Si dovrebbe incominciare a vedere dalla mezzanotte di oggi e raggiungerà la minima distanza dalla terra tra il 6 e il 7 gennaio.

auguri!

21 dicembre 2014

Che la cometa, ora che l’abbiamo finalmente raggiunta, ci insegni davvero a prendere la strada giusta

Parma, Pizzarotti invita tutti i figli delle stelle

7 dicembre 2014


Oggi a Parma Federico Pizzarotti ha invitato tutti i figli delle stelle (M5s, dissidenti e anche espulsi), naturalmente gli stelloni della diarchia non ci saranno e neppure le 5 stellette del direttorio, peccato perchè lo streaming dell’incontro sembra veramente molto interessante.  Lo potete seguire QUI e anche su Repubblica.
L’evento è iniziato alle 10:00 e si concluderà alle 18:00 (pausa tra le 13 e le 14:30).
Federico Pizzarotti: twitter, facebook,
Articoli:
Manifesto (leggibile anche QUI), Repubblica, Corriere,

TTIP a Report e declassificazione delle direttive

18 ottobre 2014

le direttive del TTIP vengono declassificate

Volevo segnalarvi che la puntata di domani d Report, 21.40 su Rai3, è dedicata al TTIP, trattato commerciale fra Europa e Stati Uniti, una grande partita che si sta giocando tutta in segretoQUI clip in anteprima.

Il governo italiano è a favore del trattato, anzi il presidente Renzi si è talmente sbilanciato da dire che  “non è un semplice accordo commerciale come altri, ma è una scelta strategica e culturale per l’Ue”. Ora che NON sia un semplice accordo commerciale ne siamo convinti in tanti, che sia a favore dell’Europa un po’ meno  e speriamo se ne renda conto anche Renzi, altrimenti ne dovrà rendere conto a noi (sempre che ci lascia parlare :-) anche se gli va dato atto che, sotto la Presidenza italiana del Consiglio Ue, parte del trattato viene finalmente declassificato.
E’ dal 1995 che cercano di approvare questo trattato (che allora si chiamava MAI) portato avanti nel più totale silenzio, non appena ne parlavano un po’ nasceva la protesta, e allora zitti zitti lo ritiravano subito.
L’accordo di partenariato transatlantico (Ttip) negoziato a partire dal luglio 2013 tra Stati uniti e Unione europea è una versione modificata del Mai.
Questa volta però hanno cambiato strategia e hanno almeno deciso di declassificare le  Direttive di negoziato per un accordo globale sugli scambi e sugli investimenti tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America, denominato il Partenariato Transatlantico per gli scambi e gli investimenti (The Transatlantic Trade and Investiment Partnership)

QUI in inglese
QUI tradotto in italiano

Nozze gay riconosciute in Toscana

8 ottobre 2014

Enrico Rossi Presidente ha condiviso un link.
E bravi i sindaci che sulle #nozze #gay resistono contro la circolare del ministro Alfano. La Toscana è fatta così sulle questioni di principio non si va contro la legge ma neppure si deroga. Eterologa, nozze gay e altro ancora: la #Toscana è davvero una regione speciale.
_____________
Guardare la copertina di oggi del Manifesto.
Leggere anche
Nozze gay, i sindaci toscani contro la circolare di Alfano, Repubblica.
Nozze gay, altolà di Alfano. Sindaci in rivolta. Circolare del ministro dell’Interno: stop alle registrazioni dei matrimoni all’estero. Primi cittadini pronti a fare ricorso: «Disobbediremo». Il Pd: serve subito una legge, La stampa.

Lo sciocco guarda subito la luna

3 ottobre 2014

Da pazzo per Repubblica

Immagine da Pazzo per Repubblica

Ieri aprendo la Repubblica alla pagina 33 dove c’è la vignetta di Bucchi ho urlato dalla gioia, finalmente qualcuno mi vendicava dal terribile tormentone degli ultimi anni. Ogni volta che qualcuno in rete (e in rete le frasi o sono virali o non sono) recitava, col nasino spocchioso e il mouse alzato, che Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito, a me veniva una vistosissima orticaria.

E’ inutile dire che io mi metto, da sempre, dalla parte degli sciocchi, visto che penso che a uno in grado di intelligere non può certo bastare un dito che indichi per Guardare qualcosa, e che quindi sia sempre più prudente, se non doveroso, controllare prima il dito, e poi eventualmente, la luna guardarsela da soli o in compagnia (insieme a sciocchi e saggi) ma senza l’imperiosa e fastidiosa imposizione arrogante di chi si crede saggio al punto da avere un dito infallibile.

Inutile dire che tutti i supponenti che scrivono questa frase, si sentono automaticamente Saggi, anche se sono solo vecchi sentenziosi, con il proverbio sempre pronto. La vignetta di Bucchi è un geopensiero. È l’ipotiposi di gEorgia :-).

NOTA del 4ottobre 2014, ore 12,10.
IPOTIPOSI

Ieri avevo scritto l’ipostasi di gEorgia ma naturalmente volevo scrivere l’IPOTIPOSI di gEorgia, probabilmente l’errore di scrittura è stato provocato dal fatto che avevo appena letto su La dimora dl tempo sospeso, L’ipostasi del ritorno.
Ipostasi e ipotiposi sono due termini che graficamente si possono anche confondere, ma sono fondamentalmente diversi. Mentre l’ipostasi ha un significato mistico teologico, l’ipotiposi è molto terrena e iconica,
È una figura retorica molto amata dall’immaginifico Gadda che sfrutta genialmente il senso visivo della lingua, e quindi anche la sua principale figura retorica, l’Ipotiposi viene da lui spesso anche nominata direttamente. L’IPOTIPOSI è forse la principale marcatura di tutta l’epoca modernista, quell’epoca che è il passaggio dal predominio dell’alfabetismo a quello dell’immagine, e che prima della fine dà il meglio della lingua. È naturale che grandi scrittori abbiano pigiato principalmente sulla capacità della lingua di creare parole e concetti visivi, dando la rappresentazione del reale con i soli mezzi della lingua, inducendo il lettore quasi a guardare sulla pagina piuttosto che leggere. Oggi forse succede il contrario e sono i disegnatori che fanno parlare e raccontare le loro vignette e tutto quello che riguarda l’immagine, e quindi è sempre l’ipotiposi che la fa da padrona, oggi come ieri.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 147 follower